top of page

Rosmarina Bianca

Sinonimi: Edelweisser, Bianco Nobile, Mela rosmarino, Weisser Rosmarinapfel

Cenni storici: Originaria dell'Alto Adige, descritta nel 1807 dal pomologo tedesco Diel. Coltivata soprattutto in Trentino e Alto Adige, considerata una delle migliori mele da tavola, veniva in passato esportata fino in Russia.

Lo sapevi che...?

Un tempo questa elegantissima mela era fra le migliori non solo fra le indigene trentine, ma anche fra tutte le varietà coltivate; fu quella che rese celebre la produzione di frutta sui mercati nordici e in particolare su quelli russi, dov’era la preferita e veniva pagata a prezzi molto superiori alla media rispetto alle altre, pur sempre ottime, varietà nostrane.

Rosmarina Bianca_Simonini.jpg

La pianta

Pianta: Pianta vigorosa molto produttiva ma soggetta ad alternanza, con pochi rami di colore bruno cenerino.

Foglie: Le foglie sono grandi di colore verde pallido, molto lisce con margine seghettato 

Fiori: I fiori di colore bianco formano un infiorescenza a corimbo.

Epoca di fioritura: Precoce, inizio/metà aprile

Resistenze: Buona al freddo invernale

Suscettibilità: Sensibile alla ticchiolatura e all’oidio

I frutti

Caratteristiche esterne: La buccia delle mele è liscia e sottile, leggermente untuosa. I frutti sono di grandezza medio/piccola, ovali allungati.

Descrizione polpa: La polpa di mela è croccante, finissima, fondente, molto succosa e ha un gradevole profumo di dessert.

Acidità: Leggera e sottile acidità.

Durezza: È piuttosto tenera

Grado zuccherino: È mediamente zuccherina (11 °Brix)

Epoca di raccolta: Seconda decade di ottobre

Utilizzo dei frutti: Destinata al consumo fresco, gli “scarti” di questa varietà (frutti piccoli, bacato ecc.) si prestano ottimamente per la trasformazione industriale e in particolare per la produzione del sidro.

Conservabilità: si conserva fino a primavera anche in un normale locale purché fresco 

bottom of page